Nepal, trek al campo base Everest
, updated:

Nepal, trek al campo base Everest

Benvenuti, nell’articolo qui sotto vi parlo del viaggio in Nepal “Everest Trek al campo base” effettuato con Avventure nel Mondo nell’aprile 2017.

Everest Trek al campo base

Prima c’è la preparazione, poi ci sono più di due settimane di salite intense, notti scomode e altitudini elevate, difficoltà che basterebbero a scoraggiare la maggior parte delle persone, eppure non succede. Perché? È incredibile pensare che aura di mistero circondi l’Everest, e quanta gente ogni anno arrivi al suo base camp. Ogni genere di persona, tutte in cerca della realizzazione dello stesso sogno, chiamato Everest. Da una parte c’è un aspetto ovvio: l’Everest è l’Everest. E non importa se lo vedi o meno (nelle due settimane di trekking si vede pochissimo), non importa quanto ci metti a raggiungerlo, quanto costa e quanto fa freddo…sapere che sei stato al cospetto del gigante dei giganti, del re delle montagne, del tetto del mondo…nessun ragionamento razionale può vincere su questo. Ma per me, oltre ad esserci stato il mitico richiamo, oltre all’occasione di arricchimento che questo viaggio in particolare ritenevo avrebbe rappresentato, c’è stato anche il sapore della sfida, la voglia di mettersi alla prova che a volte arriva ad una certa età.

Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base

L’Everest ha 2 Campi base, Il Campo Sud si trova in Nepal, mentre il Campo Nord è situato nel territorio del Tibet (Cina), il più popolare è quello sul lato sud. In territorio Nepalese se si vuole raggiungere il famoso campo base Everest e camminare sulle orme di grandi eroi come Tenzing Norgay Sherpa e Edmund Hillary (primi alpinisti ad avere raggiunto la cima dell’Everest) si deve risalire la valle del Khumbu.

Questo viaggio non si limita alle montagne, sicuramente notevoli perché le più elevate al mondo, ma passa attraverso le atmosfere dei villaggi dove sembra che il tempo si sia fermato, e soprattutto dalla cordialità degli Sherpa e dalle loro abitudini e cultura.

Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base

Gli sherpa, come la maggioranza del popolo nepalese, sono molto religiosi, la maggior parte sono buddisti ed è per questo che nel percorso del trekking al Campo Base Everest è tutto un proliferare di adorabili santuari, stupa, bandiere di preghiera e templi. Credono anche in varie divinità associate alle montagne e considerano sacre le montagne stesse.

Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base

E’ sempre emozionante l’attraversamento dei ponti tibetani, spesso in compagnia di portatori o di carovane di yak. Le carovane di yak, un tempo utilizzate per il commercio che consisteva soprattutto nello scambio di lana e salgemma del Tibet contro riso del Nepal, oggigiorno trasportano beni di consumo più moderni.

Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base

Gli sherpa, che sono un popolo e non portatori di alta quota, come alcuni erroneamente credono, si sono dati da soli questo nome (sherpa o shar – pa = uomini dell’est), per distinguersi dalle altre popolazioni del Nepal provenienti dal Tibet e che i nepalesi, con un sottinteso significato spregiativo, chiamavano bhutia. Il loro congenito adattamento alle grandi altezze e la circostanza di abitare ai piedi dei colossi himalayani li pose in condizioni di privilegio, nei confronti di altre etnie, allorché si dovettero reclutare i portatori d’alta quota necessari per le prime spedizioni alpinistiche degli anni cinquanta e sessanta. Il loro carattere socievole, la loro resistenza alla fatica e la specializzazione che essi acquisirono svolgendo tale attività, spiegano la preferenza che a tutt’oggi viene loro data non solo per le spedizioni alpinistiche vere e proprie, ma anche per svolgere le mansioni di accompagnatori e portatori in occasione dei trek. Tali circostanze chiariscono l’equivoco relativo al significato del loro nome.

Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base
Everest Trek al campo base

Nepal, trekking al Campo Base Everest

Ho pubblicato altri articoli sul viaggio EVEREST TREK AL CAMPO BASE: Nepal, Bhaktapur

Il primo post

E’ con un pò di emozione che pubblico questo mio primo post e mi fa particolarmente piacere sia sul trek al Campo Base Everest.

In generale non è facile selezionare le foto “giuste” del viaggio che si è appena concluso, scegliere gli aspetti e le peculiarità di luoghi e popolazioni da descrivere e le emozioni vissute da condividere… ma è bello provarci.

Ovviamente si sottolineano sempre i momenti belli e le situazioni interessanti. Non ci si sofferma sui giorni difficili, quando non si sta bene, quando la stanchezza è grande e c’è la paura di non farcela, e qui basta davvero poco, una storta, un forte raffreddore, il temutissimo mal di montagna… ed il sogno svanisce.

Un viaggio è sicuramente una delle esperienze più belle e costruttive da fare nella vita. Per noi che amiamo viaggiare poi ogni occasione è buona per partire verso nuovi luoghi, nuove culture e nuove persone.

Ci sono tantissimi aforismi, citazioni e pensieri su viaggi e viaggiatori ma quella che preferisco è quella di Ibn Battuta: viaggiare – ti lascia senza parole, poi ti trasforma in un narratore… ed in un fotografo aggiungo io…

Rispondi

I truly love your site.. Great colors & theme.
Did you develop this website yourself? Please reply
back as I’m attempting to create my own website and would
like to find out where you got this from or just what the theme is
called. Kudos! Amazing! This blog looks just like my old one!
It’s on a totally different topic but it has pretty much the same page layout and design. Outstanding choice of colors!
I am sure this article has touched all the internet people,
its really really fastidious article on building up new
webpage.

I need to to thank you for this wonderful read!! I absolutely loved every little bit of it.
I’ve got you book marked to look at new things you Ahaa, its good conversation on the topic of this paragraph here at
this webpage, I have read all that, so now me also commenting here.
I’ve been surfing online more than 3 hours today, yet I never found
any interesting article like yours. It’s pretty worth enough for me.

In my opinion, if all webmasters and bloggers made good content as you did, the web
will be much more useful than ever before.

I have been exploring for a little bit for any high quality articles or blog
posts on this sort of area . Exploring in Yahoo I ultimately stumbled
upon this site. Studying this info So i am satisfied to express that I’ve an incredibly good uncanny feeling I came upon just what I needed.
I so much without a doubt will make certain to do not omit this website
and give it a glance on a constant basis.

Terrific article! That is the type of information that are meant to be shared across the net.
Shame on Google for no longer positioning this publish upper!

Hi there would you mind stating which blog platform you?re
working with? I?m looking to start my own blog in the near future but I?m having a difficult time deciding between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.
The reason I ask is because your design seems different then most
blogs and I?m looking for something unique.
P.S Sorry for getting off-topic but I had to ask!

Good post. I learn something totally new and challenging on sites I stumbleupon everyday.
It will always be interesting to read through articles from other writers and use something from their
websites.

Thanks for writing this awesome article. I’m a long time reader but I’ve never been compelled
to leave a comment. I subscribed to your blog and shared this on my Twitter.
Thanks again for a great post!

What a fantastic article! This is so chock full of useful information I can’t wait to dig deep and start utilizing the resources you have given me. Your exuberance is refreshing. Thanks for a great post!

Howdy would you mind stating which blog platform you?re working with?
I?m going to start my own blog soon but I?m having a difficult
time choosing between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.
The reason I ask is because your design seems different then most blogs and I?m looking for something unique.

P.S Sorry for getting off-topic but I had to ask!

Hi there, just became alert to your blog through Google, and
found that it is really informative. I’m going to watch out for brussels.

I’ll appreciate if you continue this in future. A lot of people will be benefited from your writing.
Cheers!

Baru sempet baca postingan ini hari ini, dan ternyata kontennya menarik banget. Kayaknya aku akan sering mampir di mari, semangat update terus kontennya ya min.

I delight in, cause I found just what I was looking for.
You’ve ended my 4 day lengthy hunt! God Bless you man. Have a great
day. Bye

Hello to every body, it’s my first pay a visit of this weblog; this
webpage contains remarkable and genuinely fine information designed for readers.

Hey there! This is my first comment here so I just wanted to
give a quick shout out and say I genuinely enjoy reading
your posts. Can you recommend any other blogs/websites/forums that go over the same topics?
Thank you so much!

I just want to tell you that I am new to blogs and certainly liked this blog. Almost certainly I’m want to bookmark your blog . You absolutely have good stories. Bless you for revealing your web page.

YouTube
YouTube
Instagram
error: Content is protected !!
↑ Up